28 08 2012

CATEGORIA: Formazione e lavoro »

I ciechi, il lavoro di centralinista telefonico e le figure equipollenti

Su sollecitazione del Ministero del Lavoro, la Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome ha avviato una ricognizione sull’intero territorio nazionale attraverso l’apposito “Gruppo Professioni” per rilevare la effettiva programmazione dei corsi di formazione professionale per i centralinisti telefonici di cui alla legge 113/85 e delle figure equipollenti di: “operatore telefonico addetto alle informazioni alla clientela e agli uffici relazioni con il pubblico” di “ operatore telefonico addetto alla gestione e all’utilizzazione di banche dati” e di “operatore telefonico addetto ai servizi di telemarketing e telesoccorso” di cui al Decreto del Ministero del Lavoro 10 gennaio 2000 e della figura di “operatore amministrativo segretariale” di cui al Decreto del Ministero del Lavoro dell’11 luglio 2011 che prevede un percorso triennale ai sensi della vigente normativa sulla istruzione e formazione professionale e cioè percorso cosiddetto integrato.
Pubblichiamo di seguito il risultato del Gruppo Professioni coordinato dall’Assessore regionale al lavoro della Regione Lombardia Gianni Rossoni che riferisce: “Riguardo l’attivazione dei corsi per centralinista telefonico non vedente e per le altre figure equipollenti, risulta una situazione variegata nei diversi territori regionali, su cui incide, in modo significativo, la scarsa domanda. In particolare, dalla ricognizione realizzata risultano maggiormente programmati i percorsi formativi per centralinista telefonico, proprio in coerenza con le richieste del mercato del lavoro; mentre i corsi per le altre specializzazioni (cosiddette figure equipollenti) non risultano finanziati e realizzati, essenzialmente per carenza di iscrizioni”.
Al riguardo, l’Unione Ciechi d’Europa richiama l’iniziativa di IERFOP onlus, Agenzia formativa accreditata, svolta nel campo della formazione professionale delle cosiddette figure equipollenti a quella di centralinista telefonico, di cui vi è riferimento nella precedente nota, per sottolineare le effettive difficoltà riscontrate nella richiesta di adesioni al “Corso di operatore telefonico addetto ai servizi di telemarketing e telesoccorso” conclusosi con 8 allievi su 12 iscritti. Da qui il rinnovato appello dell’Unione Ciechi d’Europa a tutti i ciechi e ipovedenti (entro 1/10 di residuo visivo secondo legge) di manifestare il proprio interesse alla frequenza dei cosiddetti corsi equipollenti a quella di centralinista telefonico al fine di verificare la consistenza della domanda, dato indispensabile per la programmazione dei corsi.
Per comodità dei ciechi e ipovedenti interessati alleghiamo l’apposito modulo di domanda, che dovrebbero pervenire entro e non oltre il dieci settembre 2012.
consulta il modulo di preiscrizione

Legge 29 marzo 1985, n. 113 – “Aggiornamento della disciplina del collocamento al lavoro e del rapporto di lavoro dei centralinisti non vedenti”.
(Scarica il documento)

Decreto 11 luglio 2011 (G.U. n. 209 del 08/09/2011) – “Equipollenza della qualifica di operatore amministrativo segretariale alla qualifica di centralinista telefonico non vedente”
consulta il decreto 11 luglio 2011

Tags: ,

Lascia un commento

 

Torna alla pagina precedente